Monferrato in fuoristrada

Monferrato in fuoristrada

Percorso:
Circa 190 km totali di cui il 70% di sterrati e fuoristrada
Veicoli:
Moto fuoristrada monocilindrico Moto fuoristrada bicilindrico
Difficoltà:
Livello 1 facile diventa 2 medio nel caso di fondo fangoso
Prezzo a partire da:
65.00 euro

Partenza da Castelnuovo Don Bosco in direzione est, il percorso si snoda lungo le colline ed i fondo valle del Monferrato a cavallo del 45° parallelo.
Si alternano tratti di sottobosco impegnativi ad ampi sterrati lungo le pendici delle colline ricoperte di vigneti a tratti guidati sui fondovalle .
Lungo tutto il percorso si incontrano paesi e piccole frazioni immersi in un ambiente campestre dominato ad ovest dalla mole imponente delle Alpi.
Il primo tratto nella zona di Passerano Marmorito presenta caratteristiche piu’ tecniche con tracciati tormentati nel sottobosco con fondo argilloso e spesso fangoso ma con pendenze e larghezze adatte anche alle bicilindriche , si passa poi a sud di Gallareto dove un breve tratto di mulattiera presenta alcuni guadi impegnativi.Procedendo verso Sangonera il tracciato diventa più ampio con lunghe sterrate che scavalcano le colline transitando a fianco dei vigneti. Raggiunta Moncalvo fiera di essere la più piccola città d’Italia (lo divenne nel 1774 per concessione dei Savoia) si procede verso sud, il percorso diventa scorrevole e veloce. Superati i 23° 8’ di longitudine si inizia il ritorno transitando per Montemagno e al fianco del castello di Cortazze. L’ultimo tratto presenta qualche mulattiera ancora nel sottobosco per poi terminare nuovamente a Castelnuovo Don Bosco.


  • Partenza da Castelnuovo Don Bosco alle ore 9,30.
  • Pranzo in ristorante lungo il percorso.
  • Rietro a Castelnuovo alle ore 18.

Anticipo dell’intera quota entro 10 giorni dalla data di partenza.


Nella quota di partecipazione non e’ compreso il pranzo. Il viaggio verra’ effettuato al raggiungimento del numero minimo di 10 partecipanti.


Il percorso può evidentemente subire delle modifiche in funzione delle condizioni meteorologiche ( ad es. presenza neve), nonché di eventuali divieti di transito introdotti prima del nostro arrivo.

I percorsi non sono tecnicamente impegnativi però richiedono una preparazione tecnica e fisica adeguata a tempi di guida di circa 7-8 ore al giorno. Si svolgono per l’ 80% su strade sterrate in alcuni tratti sassose, ma sempre con larghezza di almeno 1,5 – 2 metri e percorribili con un mezzo 4X4. Non ci sono sentieri, se non in un paio di tratti, che possono essere comunque evitati se le condizioni lo dovessero richiedere.

Sono consigliati pneumatici tassellati tipo “Karoo” o anche più specifici come Pirelli “Rally Cross” o Michelin “Desert”. È possibile utilizzare pneumatici di tipo misto strada/enduro, ma con maggiore attenzione.

Ciascun socio deve dotarsi dell’ attrezzatura necessaria per provvedere alla sostituzione delle camere aria ed alla eventuale riparazione dei pneumatici tubeless del proprio mezzo..

È indispensabile un abbigliamento adeguato al fuoristrada (stivali, protezioni,ecc…) e a possibili variazioni climatiche che, date le altitudini, possono portare ad abbassamenti anche forti di temperatura. Abitualmente ci si porta, oltre l’abbigliamento da moto, veramente poco altro perché si trascorre la maggior parte del tempo in moto.

Lo spirito del giro è quello del viaggio con soste per foto, spuntini ecc. in funzione delle preferenze della maggioranza dei partecipanti, ma la durata e la lunghezza del percorso e i vincoli delle prenotazioni negli alberghi richiedono l’ impegno nel rispettare i tempi stabiliti dal programma.

Viene espressamente vietato l’utilizzo del GPS per evitare che un eventuale uso non corretto delle informazioni sul percorso da parte di terzi porti in futuro a impedirne l’accesso. Nulla evidentemente impedisce di imparare a memoria l’itinerario.


 

Galleria fotografica: Monferrato in fuoristrada – aprile 2011
Galleria fotografica ultima edizione: Giro del Monferrato aprile 2015
loop-index.php