Challenge della Drôme – NUOVO VIAGGIO 2019!

Challenge della Drôme – NUOVO VIAGGIO 2019!

Percorso:
Circa 900 km totali di cui 400 di sterrati e fuoristrada
Veicoli:
Moto fuoristrada monocilindrico Moto fuoristrada bicilindrico
Difficoltà:
Livello 1 Facile con brevi tratti piu’ impegnativi
Sistemazione:
Alberghi rifugi ed agriturismi con trattamento mezza pensione
Prezzo a partire da:
420.00 euro

In questo viaggio la partenza sarà da  Cesana Torinese.  Si  attraversa la valle della Durance  per proseguire  con la traversata di catene montuose da Serre- Ponçon al cuore della Drôme ai piedi del Mont Ventoux. È quasi una tappa da motorally per la lunghezza e la varietà del paesaggio. I percorsi sono di diversa natura: da piste di fondo valle a strade forestali e mulattiere. La quota massima raggiunta e’ di circa 1600 s.l.m. e questo ci permette di percorrere tale itinerario da primavera ad autunno inoltrato. Si prosegue nella zona del Parco Regionale del Verdon. Percorrendo piste scorrevoli si attraversa il Plateau di Valensole. Nelle montagne di Puimichel le strade diventano piste forestali immerse nella vegetazione quasi mediterranea dove tortuose piste tagliafuoco ci porteranno nella zona del Lac de Sainte-Croix. Il viaggio prosegue lungo un itinerario che circonda le montagne di Serre de Montdenier e il Parc Géologique de Haute Provence.
Come sempre è un viaggio destinato ai veri cultori delle mono e bicilindriche Adventouring  e del loro impiego a 360°.

1° giorno

  • Arrivo in serata a Cesana, localita’ turistica al confine con la Francia.
  • Cena e pernottamento  in albergo. La cena sarà l’occasione per fare un approfondito “briefing“ sul percorso, con tutte le informazioni e le considerazioni utili per lo svolgimento ottimale del giro.

2° giorno

  • Colazione
  • Partenza alle ore 8.
  • Itinerario (lunghezza tappa circa 320 km):
    Giornata dedicata alla valle della Durance e alla Drôme con arrivo presso il villaggio di Mollans-sur-Ouvèze. Si scende a Briançon e si segue un percorso in direzione sud; si supera il lago di Serre Poncon e si entra nella Drôme attraversando una serie di valli e superando diversi colli lungo un  percorso che  si snoda su strade forestali e lungo piste nel bosco.
  • Cena e pernottamento in albergo nella regione della Drôme (Francia).

3° giorno

  • Colazione
  • Partenza alle ore 8.
  • Itinerario (lunghezza tappa circa 230 km)
  • Partendo dalla Drôme ci spostiamo verso est lungo magnifico itinerario sterrato. Superata Sisteron ci dirigiamo a sud verso Greoux les Bains lungo altipiani e  catene montuose.
  • Cena e pernottamento in albergo a Greoux les Bains.

4° giorno

  • Colazione
  • Partenza alle ore 9.
  • Itinerario (lunghezza tappa circa 320 km di cui 250 km di asfalto e circa 70 km di sterrati).
  • La parte iniziale della giornata e’ dedicata alla zona a nord-est del lago di Saint Croix, percorrendo piste sterrate che circondano le montagne di Serre de Montdenier. Percorsi scorrevoli in una zona quasi disabitata, panorami splendidi; la quota si mantiene sui 1600 mt s.l.m. Dopo aver pranzato iniziamo il rientro attraverso il villaggio di Tour de l’Horloge Digne, Seyne, il Colle del Monginevro fino a giungere a Torino.
  • Arrivo a Cesana T. alle ore 17 circa.


Il viaggio verra’ effettuato al raggiungimento del numero minimo di 10 partecipanti.

Quota partecipazione : 420 euro/cad camera doppia – 490 euro/cad camera singola.

La quota comprende:

  • 1° giorno: cena e pernottamento.
  • 2°- 3° giorno: colazione, cena e pernottamento.
  • 4° giorno: colazione.
  • Sistemazione in camere a 2/3 letti presso alberghi, agriturismi e rifugi di montagna in funzione della ricettività degli esercizi esistenti. Lo standard di confort e’ quello medio allineato con l’offerta esistente in loco e vengono abitualmente utilizzati durante questo viaggio.
  • Le cene vengono consumate presso gli alberghi dove si pernotta per facilitare la logistica e sono di standard medio con la formula di “mezza pensione”.

La quota non comprende:

  • Qualunque eventuale variazione richiesta alla formula “mezza pensione”; le bevande delle cene ed i pranzi comprese le bevande (essendo questi legati alla situazione contingente sia dei tempi sia meteorologica).
  • I trasporto dei bagagli, assistenza meccanica specialistica, il recupero mezzi.

Per i pranzi verra’ costituita a carico degli iscritti  una cassa comune  al fine di semplificare le operazioni di pagamento. Nella cassa comune verranno compresi anche i costi del vitto dello staff.


Il percorso può evidentemente subire delle modifiche in funzione delle condizioni meteorologiche (ad es. presenza neve), nonché di eventuali divieti di transito introdotti prima del nostro arrivo.

I percorsi non sono tecnicamente impegnativi però richiedono una preparazione tecnica e fisica adeguata a tempi di guida di circa 7-8 ore al giorno. Si svolgono per l’ 80% su strade sterrate in alcuni tratti sassose, ma sempre con larghezza di almeno 1,5 – 2 metri e percorribili con un veicolo 4X4.

Sono consigliati pneumatici tassellati tipo “Karoo” o anche più specifici come Pirelli “Rally Cross” o Michelin “Desert”. È possibile utilizzare pneumatici di tipo misto strada/enduro, ma con maggiore attenzione.

Ciascun socio deve dotarsi dell’ attrezzatura necessaria per provvedere alla sostituzione delle camere aria ed alla eventuale riparazione dei pneumatici tubeless del proprio mezzo.

È indispensabile un abbigliamento adeguato al fuoristrada (stivali, protezioni, ecc…) e a possibili variazioni climatiche che, date le altitudini, possono portare ad abbassamenti anche forti di temperatura. Abitualmente ci si porta, oltre l’abbigliamento da moto, veramente poco altro perché si trascorre la maggior parte del tempo in moto.

Lo spirito del giro è quello del viaggio con soste per foto, spuntini ecc. in funzione delle preferenze della maggioranza dei partecipanti, ma la durata e la lunghezza del percorso e i vincoli delle prenotazioni negli alberghi richiedono l’ impegno nel rispettare i tempi stabiliti dal programma.

Viene espressamente vietato l’utilizzo del GPS per evitare che un eventuale uso non corretto delle informazioni sul percorso da parte di terzi porti in futuro a impedirne l’accesso. Nulla evidentemente impedisce di imparare a memoria l’itinerario.


 

Galleria fotografica ultima edizione: Gli altopiani del Verdon – maggio 2012 SCHEDA DI REGISTRAZIONE EVENTO DEL: 10-05-2019 / 12-05-2019
loop-index.php